Anemia cronica e trasfusione

Spesso ci viene chiesto a chi va il sangue donato. Diversi i casi da citare, dalle varie chirurgie specialistiche a tutte le persone che, quotidianamente, arrivano al Pronto Soccorso con gravi emorragie. Che la donazione di sangue sia un gesto importante non vi è più alcun dubbio, considerate anche che con un semplice gesto si possono regalare interi anni di vita ai pazienti dei reparti di ematologia, cardiochirurgia, medicina trasfusionale, oncologia o anemia cronica.

Vi siete mai chiesti perché alcune di queste malattie necessitano di trasfusioni?

donare_turniOggi parliamo dei casi di anemia cronica.

Iniziamo col dirvi che l’anemia si sviluppa quando l’organismo ha carenza di globuli rossi sani e può essere diagnosticata quando il livello di emoglobina nel sangue è minore del normale. Soffrire di anemia significa non ricevere una quantità sufficiente di sangue ossigenato.

E’ nei casi più gravi, quando l’emoglobina crolla al di sotto degli 8 g/dl di sangue, che è necessario sottoporsi a trasfusioni di sangue periodiche che hanno, quindi, la funzione di reintegrare il sangue che il corpo non riesce a produrre.

Quanto dura una trasfusione?

Per la trasfusione occorrono da 1 a 4 ore, a seconda della quantità di sangue necessaria al paziente.

Quando donate ricordatevi che state salvando una (o più) vita.

AVIS Comunale Ostiano

L'Avis è un'organizzazione non lucrativa di utilità sociale costituita tra coloro che donano volontariamente, gratuitamente, periodicamente e anonimamente il proprio sangue.