Coronavirus, le misure di prevenzione

coronavirus

La minaccia del Coronavirus è già transitata sui mezzi di comunicazione di massa saltellando tra informazione e allarmismi. Ieri, per esempio, sul Fatto Quotidiano è arrivata l’informativa sul primo volo atterrato a Fiumicino dalla città di Wuhan, epicentro del virus: nell’aeroporto romano scanner speciali hanno vagliato la temperatura corporea dei passeggeri in arrivo, e nessun caso è risultato sospetto.
Cosa sono i Coronavirus? Appartengono a una famiglia di virus che possono trasmettere diversi tipi di malattie, dal raffreddore comune a malattie complicate da affrontare come MERS (o Sindrome respiratoria mediorientale da Coronavirus) o SARS (Sindrome acuta respiratoria grave). Quando si parla di nuovo Coronavirus si intende un ceppo prima d’ora mai entrato in contatto con gli esseri umani.

Secondo gli scienziati, l’origine dei virus del nostro tempo sarebbe quasi sempre l’asia per colpa dei mercati, i cosiddetti “wet markets”, mercati bagnati dove gli animali vengono macellati vivi, mentre i liquidi biologici si mischiano e vengono “lavati” via con l’acqua. Nel caso del Coronavirus una delle ipotesi più accreditate è che l’origine siano i pipistrelli, ma che la trasmissione all’uomo dipenda dai serpenti.

E mentre nelle principali città cinesi per evitare il contagio collettivo vengono smantellati i festeggiamenti per il tradizionale Capodanno, in Italia il Ministero della Salute e il Centro nazionale sangue hanno già diffuso il comunicato con le misure preventive anti epidemia.

Ecco il comunicato, pubblicato sul portale DonaIlsangue:

“Sono attive le misure speciali di prevenzione per scongiurare la diffusione trasfusionale del nuovo Coronavirus individuato nella provincia di Hubei, in Cina, e responsabile di una serie di casi di polmonite. La Circolare inviata dal Centro Nazionale Sangue a tutte le strutture di raccolta locali e alle associazioni di donatori arriva a seguito della segnalazione, il cosiddetto Rapid Risk Assessment, dell’ECDC, lo European Centre Disease and Control, delle informazioni fornite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che sta monitorando sul campo la situazione, e delle indicazioni della Direzione Generale per la salute e la qualità del Cibo – DG Santé della Commissione Europea.  

Le raccomandazioni in questione arrivano anche se ad oggi non sono state documentate trasmissioni del virus denominato 2019-nCoV mediante la trasfusione di emocomponenti labili e il rischio di trasmissione trasfusionale non sia attualmente noto. Si tratta di semplici misure di sicurezza messe in atto ogni volta che il focolaio di una malattia potenzialmente pericolosa viene individuato.

Ma quali sono le misure attivate in Italia?

  1. Sospensione dalla donazione di 21 giorni dal rientro per tutti i donatori che abbiano soggiornato nell’area interessata
  2. Sospensione di 28 giorni dalla donazione a partire dalla risoluzione dei sintomi o dalla fine dell’eventuale terapia in caso di anamnesi positiva, ovvero in caso si riscontri una sintomatologia compatibile con quella del virus.

Insomma: il dono del sangue e l’attività trasfusionale purtroppo sono sempre interessate ai queste notizie, ed ecco perché è molto importante che le istituzioni, e in particolar modo il corpo medico, possa entrare in possesso di tutte le informazioni su sintomi compatibili con quelli del Coronavirus, grazie all’aiuto dei donatori di sangue, tenuti dunque a informare il medico responsabile del processo di donazione su tutti i propri viaggi. Solo così è possibile evitare la diffusione dei virus, in un mondo in cui l’enorme massa di spostamenti quotidiani è tale da creare spirali assolutamente imprevedibili e incontrollabili.

Adelmo Danieli

Sono responsabile infrastruttura di rete Italia ed IT manager, di una multinazionale Tedesca. Come passione ho il Podismo ed il Ciclismo amatoriale di Gran Fondo su strada. Da sempre impegnato nella sezione AVIS Comunale Ostiano nella quale ho cercato di portare tutto al mia competenza al fine implementare le nuove tecnologie al servizio dei donatori di sangue.