La Polisportiva AVIS alla Otztaler 2017

Si è svolta domenica scorsa la 37a edizione della Otztaler Rad Marathon, ovvero la Maratona Ciclistica della Otztaler, che risulta essere la Gran Fondo di ciclismo più difficile nell’arco alpino e anche tra le più dure d’Europa con i suoi 237 km di lunghezza ed i suoi 5500 metri di dislivello.

Partenza ed arrivo sono a Sölden, nel cuore delle alpi austriache, che è notoriamente conosciuta come la sede della tappa di apertura della coppa del mondo di sci alpino, quindi il percorso scende nella valle tirolese dell’Otztal, sale verso il Kühtai (2.020 metri) per poi scendere nella valle dell’Inn da percorrere fino ad Innsbruck, la capitale del Tirolo, proseguendo in direzione del passo del Brennero (1.377 m), quindi si sconfina in Italia fino a Vipiteno, attraversando successivamente i passi Giovo (2.090), la valle Passiria e il passo Rombo (2.509), per poi fare ritorno a Sölden.

Otztaler
Andrea Gaetti all’arrivo a Solden

Lo start, come di consueto è stato dato alle 6.45 di mattina con il classico colpo di cannone ed dopo 15 minuti, tutto il lungo serpentone di ciclisti ha potuto prendere il via.
Infatti i partecipanti sono circa 4500 sorteggiati tra le 19.000 domande di partecipazione giunte all’organizzazione.

Sebbene sia estremamente impegnativa come gara, è enorme la richiesta di adesione a questa manifestazione, in quanto tutti i cicloamatori, dal più forte sino a quello più modesto sono i destinatari degli applausi, dei cori da stadio, delle trombe, dei campanacci e degli incitamenti di migliaia di persone che attendono il passaggio della gara specie in terra tirolese.

La gente assiepata lungo le strade, anche dopo ore che è passato il primo concorrente continua a incitare ogni concorrente, i bambini a mano aperta danno “il cinque” ai corridori che prontamente ricambiano.

La cosa più particolare della Otztaler è che la cerimonia di premiazione inizia festeggiando l’ultimo arrivato, è questa la dice lunga sullo spirito di questa gara.
Infatti l’ultimo concorrente che supera il Valico del Rombo entro le 19,30 (tempo massimo di transito) viene scortato dalle auto dell’organizzazione a luci e sirene spiegate sino all’arrivo e gli vengono tributati gli stessi onori (se non di più) del vincitore.

I due atleti con la loro maglia celebrativa

 

Anche la nostra Polisportiva nata quest’anno, ha preso parte a questa magnifica competizione, con i suo due atleti Andrea Gaetti e Adelmo Danieli, che ormai possiamo definire quasi dei “veterani” di questa competizione, in quanto sono giunti alla sesta edizione per Gaetti ed alla quinta per Danieli.

Altimetria Otztaler
Profilo altimetrico

Andrea ha concluso la sua prestazione in 8h33m34s mentre Adelmo in un più modesto 10h55m36s.

Solo ai  “finisher” della Otztaler viene consegnata la maglia unica e celebrativa dell’evento che è caratterizzata da un elemento che ogni anno cambia in una serie che dura quattro anni.
In questo 2017 si è concluso con il granito l’anno delle pietre delle montagne tirolesi, mentre nei precedenti quattro si erano celebrati i fiori (genziana, stella alpina, ecc.).

A detta di chiunque abbia partecipato, oltre alla fatica, è indelebile il ricordo dell’arrivo tra due vere e proprie ali di folla, che danno a tutti concorrenti quel sincero applauso per avere compiuto quella che per molti è una vera e propria impresa.

 

AVIS Comunale Ostiano

L'Avis è un'organizzazione non lucrativa di utilità sociale costituita tra coloro che donano volontariamente, gratuitamente, periodicamente e anonimamente il proprio sangue.