Cavallino, Preseglie, Coste S.Eusebio (BdC)

Itinerario: Lonato – Vobarno – Passo della Fobia – Treviso Bresciano – Vestone – Barghe – Odolo – Gavardo – Valtenesi – Lonato


Partenza da Lonato (una delle mie “basi logistiche” per gli spostamenti sul Garda e Vallesabbia) una delle prime giornate primaverili di questo 2016.

Si costeggia il lago sino a Cunettone di Salò per poi proseguire per i Tormini sino a imboccare la Valsabbia; giunti appena dentro Vobarno si svolta a sinistra per Eno – Cecino.
La salita appena iniziata è dolce sino a Cecino, dopo però iniziano dei bei strappettoni sino all’abitato di Eno.

Eno
Il paese di Eno, in dialetto semplicemente “E” !

Successivamente la strada prosegue regolare entrando sempre più verso l’interno sino al bivio per Treviso Bresciano: qui si prende a destra e si continua con pendenze buone ma mai eccessive per altri 4 km sino ad arrivare al passo del Cavallino della Fobbia.

Da qui si diradano altre strade, ma si prende quella che va diretta a Tr

Eno dall'alto
Il Paesino di Eno dall’alto

eviso Bresciano e che si ricongiunge a quella che arriva dal bivio che avevamo incontrato in salita precedentemente.
Da Treviso si scende verso Vestone, passando dalla antica chiesa di San Liberale del 1640.

 

San Liberale
Chiesetta di San Liberale a Treviso Bresciano

A Vestone discendiamo per qualche km la Valle Sabbia sino a Barghe dove la dolce ascesa verso Preseglie ci permette di dare un gran colpo d’occhio alla bassa valle.

Discesa rapida e veloce verso Odolo dove inizia l’ultima fatica del giorno, ovvero le Coste di Sant’Eusebio. Questo è forse il versante più facile in assoluto e Gavardo.

Vallio Coste S. Eusebio
La vallata di Vallio Terme dalle Coste S.Eusebio

Da qui si ritorna a Lonato per innumerevoli strade, quella fatta da me stavolta ha attraversato la Valtenesi, in quanto la domenica la gardesana è molto trafficata.

Lago Garda Valtenesi
Il lago di Garda dalla Valtenesi

AVIS Comunale Ostiano

L'Avis è un'organizzazione non lucrativa di utilità sociale costituita tra coloro che donano volontariamente, gratuitamente, periodicamente e anonimamente il proprio sangue.