Prestazioni in bici e donazioni di sangue

Per rispondere alla domanda, hanno sottoposto un gruppo di corridori a una serie di sforzi piuttosto articolati all’ergometro, prima e dopo la donazione…

Il problema forse, interessa più gli amatori che i professionisti, ma è comunque stimolante e di grande interesse “sociale”. Alla Anglia Rusking University di Cambridge si sono chiesti come una donazione di sangue influenzi le prestazioni di un ciclista.

Per rispondere alla domanda, hanno sottoposto un gruppo di corridori a una serie di sforzi piuttosto articolati all’ergometro, prima e dopo la donazione (i classici 450 cc di sangue), analizzando ogni possibile parametro sia biochimico che di prestazione. Com’era prevedibile, i parametri relativi a emoglobina, ematocrito e numero di reticolociti variano sensibilmente subito dopo la donazione. E si alza anche, più o meno della stessa percentuale, la frequenza cardiaca a riposo.

A dispetto di questo, in sforzi di moderata e medio-alta intensità, l’organismo compensa il deficit andando a fornire le stesse prestazioni in termini di massimo consumo di ossigeno erogabile. Insomma, la capacità di prestazione non diminuisce, ma è probabilmente effettuata con uno stress organico maggiore.

 

Fonte: http://news.cycling.it/

Adelmo Danieli

Sono responsabile infrastruttura di rete Italia ed IT manager, di una multinazionale Tedesca. Come passione ho il Podismo ed il Ciclismo amatoriale di Gran Fondo su strada. Da sempre impegnato nella sezione AVIS Comunale Ostiano nella quale ho cercato di portare tutto al mia competenza al fine implementare le nuove tecnologie al servizio dei donatori di sangue.