Salite Valsabbine

Salite Valsabbine
In cima alle Coste S.Eusebio

Gavardo – Colle S.Eusebio – Casto – Lago di Bongi – Pertica Alta-Bassa – Levrange – Cavallino – Gavardo

Questo giro si snoda tra le salite valsabbine. Strade poco trafficate e ricche di suggestivi paesaggi.

Si parte da Gavardo, e subito si affronta la salite delle Coste di S.Eusebio, salita breve ma con due tratti ripidi al 12%. Una volta scollinato, dopo un tratto di falsopiano si scende verso Odolo, ma si prende però, prima di entrare in paese il bivio per Agnosine seguendo poi le indicazioni per Bione che porta allo scollinamento della Madonna della neve, salita irregolare ma nel complesso non difficile.

Lago di Bongi
Lago di Bongi

Scesi a Casto seguiamo poi le indicazioni per Mura e per il lago di Bongi, qui ci si addentra nel fitto bosco (occhio al pietrisco quasi sempre presente sulla sede stradale).

Il lago è molto nascosto, ma vale la pena di scendere un attimo per fare una foto.

Passo del Termine
Passo del Termine

Proseguendo sull’unica strada ci si va a ricongiungere alla provinciale che unisce la Valtrompia (Lodrino) alla Vallesabbia (Nozza – Vestone) e quindi vale la pena fare un salto al passo del Termine a quota 709 che è proprio li avanti un chilometro.

Tornando sui nostri passi, si punta nuovamente a est verso altre salite valsabbine, verso le Pertiche e dopo Odeno si sale verso Pertica Alta scollinando alla Chiesetta dei Morti per poi scendere a Pertica Bassa.

IMG_0293
Panorama da Levrange

Il nostro giro prosegue ora salendo ad Ono Degno e scendendo da Levrange per raggiungere Vestone. Qua ci attende l’ultima fatica di giornata: il Passo del Cavallino della Fobbia (anche se non sino in cima) che ci farà definitivamente scendere a Vobarno per poi chiudere l’anello a Gavardo dopo un giro poco più di 100 chilometri complessivi.

AVIS Comunale Ostiano

L'Avis è un'organizzazione non lucrativa di utilità sociale costituita tra coloro che donano volontariamente, gratuitamente, periodicamente e anonimamente il proprio sangue.