Una pillola aiuterà a scoprire tumori con l’analisi del sangue

Una nuova ricerca apre uno spiraglio ulteriore alla lotta ai tumori. I ricercatori dell’Università di Stanford, in California, hanno infatti sperimentato l’utilizzo combinato di u n a pillola con il tradizionale esame del sangue per scoprire questa terribile malattia e hanno descritto i dettagli di questa scoperta su Pnas, rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti .

Appunti05

 

LA SCOPERTA – Dopo tante ricerche a vuoto e analisi mai precise, sembra infatti che questa pillola una volta ingerita libera delle nanoparticelle di Dna che andrebbero a interagire con le cellule tumorali, producendo una proteina-spia solo se entrano in contatto con queste cellule impazzite.

LE ANALISI – L’esame del sangue successivo evidenzierà l’esistenza o meno della proteina, che tipo e quanto è esteso il tumore (la forza del segnale della sostanza varia in base al volume della malattia). I primi risultati stanno dando buoni risultati. Ma ora bisognerà procedere con la sperimentazione umana e verificare l’effetto sui vari tipi di tumore.

Appunti06

LA TECNICA – Questa tecnica basata quindi su nano anelli di Dna (che contengono il gene che produce la proteina Seap, fosfatasi alcalina embrionale) potrebbe portare ad una vera e propria rivoluzione nella scoperta dei tumori, soprattutto perché potrebbe permettere di scoprirli e curarli in tempo. Quindi cercare tumori al primo stadio e verificare gli effetti delle cure. Il test realizzato quindi dovrebbe valere per ogni tipo di tumore, nei topi per esempio con tumore al polmone la sostanza era presente dopo 48 ore dall’assunzione della pillola.

AVIS Comunale Ostiano

L'Avis è un'organizzazione non lucrativa di utilità sociale costituita tra coloro che donano volontariamente, gratuitamente, periodicamente e anonimamente il proprio sangue.